liceo classico

La Versione di Maturità Classica


La seconda prova di Maturità Classica, come tutti i classicisti sanno, consiste nella traduzione di una versione alternativamente di Latino o di Greco anche se, in teoria, non è impossibile che la stessa materia sia chiesta per due anni consecutivi, come è successo proprio nel 2016-2017 con due versioni di Greco Antico una in fila all'altra.

Cosa importante è che il modo di affrontare al meglio la versione di maturità dipende molto a seconda della lingua morta da affrontare. Perché tutto vada bene, è infatti importante partire con grande anticipo nella preparazione focalizzandosi sulla materia giusta almeno dall'inizio del secondo quadrimestre dell'ultimo anno.


Come gestire il tempo alla seconda prova di Maturità Classica


La durata della seconda prova di Maturità Classica è di quattro ore, entro le quali dovrai tradurre una versione lunga circa una volta e mezza quelle che sei abituato a tradurre in classe.

Quindi, avrai a disposizione proporzionalmente più tempo rispetto ai compiti in classe ma ti troverai comunque ad affrontare una traduzione tendenzialmente più difficile della media.

Per gestire al meglio il tempo ti consiglio di seguire questi passi durante la seconda prova di maturità:

Sostanzialmente dovresti dedicare 45 minuti ai primi due punti, 45 al terzo, altri 45 al quarto, 45 minuti al quinto ed il tempo che ti resta alla rilettura ed alla correzione. Sempre a blocchi di tre quarti d'ora e il gioco è fatto!


Come preparare la Versione di Greco di Maturità


Purtroppo non c'è un autore che vada particolarmente di moda alle versioni di Greco Antico di Maturità: gli unici che negli ultimi vent'anni sono usciti più di una volta sono Luciano e Platone, ma il Ministero ha spaziato da Demostene a Epicuro, da Ippocrate a Isocrate...

A mio modo di vedere, la cosa fondamentale per far bene alla Versione di Maturità non è tanto conoscere la grammatica ma conoscere un buon vocabolario base delle - diciamo - mille parole più comuni del Greco Antico in modo da tagliare in modo consistente il tempo speso a cercare sul dizionario cartaceo.

Altra cosa fondamentale è fare pratica con le relative, i participi ed il genitivo assoluto, che sono le strutture che più possono portare a fare errori evitabilissimi con un po' di esercizio in anticpo.

Last but not least, tradurre tanto e di tanti autori diversi in modo da vedere un po' tutte le possibili stranezze stilistiche e sintattiche che gli autori greci si sono inventati: almeno un po' di scritti filosofici, dei testi storiografici e dei brani di orazioni sono d'obbligo per arrivare preparati!


Come preparare la Versione di Latino per la Maturità


Per il Latino è una questione diversa: ci sono alcuni autori più comuni come Cicerone, Seneca e Tacito, quindi si può già indirizzare la preparazione verso un numero più ristretto di autori. Se si deve scegliere, è meglio partire da questi.

Anche le conoscenze teoriche necessarie per far bene la Versione di Latino di Maturità sono molto diverse rispetto al caso del Greco Antico: è infatti fondamentale avere una conoscenza precisa e puntuale della grammatica in quanto il Latino è una lingua molto più schematica del Greco Antico e con strutture molto più rigide e standardizzate.

E' invece relativamente meno importante la conoscenza di un vocabolario in quanto, almeno per esperienza mia, è molto più facile capire il senso del Latino piuttosto che del Greco Antico (dopo tutto l'italiano da lì viene) e si perde molto meno tempo in media a cercare sul dizionario.

Ottieni altre informazioni sulla maturità classica per approfondire tutti gli aspetti degli scritti dell'esame.

Menu Liceo Classico:

Home

Orari e Materie

Programmi

Maturità Classica

Sbocchi del Liceo

App per il Classico

Guide per l'esame:

Il Tema

La Versione

La Tesina